Agosto 2020. Mi trovo in provincia di Palermo per incontrare e conoscere Francesco, un ragazzo di 28 anni che di professione fa il lavaggista.

Francesco qualche settimana prima del mio arrivo ha chiamato il nostro ufficio per richiedere una consulenza, così mi organizzo per andare a trovarlo e conoscere di persona lui e la sua attività.

L’autolavaggio di Francesco si trova nella periferia di Palermo, in una zona commerciale molto grande, piena di attività, negozi, showrooms e altri 2 autolavaggi.

Appena arrivo nell’autolavaggio di Francesco mi trovo davanti ad un piazzale di piccole dimensioni ma molto ben curato e ben organizzato… 

…subito a colpo d’occhio noto con piacere che anche le attrezzature e il suo autolavaggio, (un portale tre spazzole) sono ben tenuti, puliti e in ottime condizioni.

Mentre mi guardo attorno viene verso di me un ragazzo, indossa una bella tuta da lavoro con il logo dell’autolavaggio bene in vista, si tratta proprio di Francesco, mi saluta e mi invita a seguirlo nel suo container uso ufficio. 

Mentre sorseggiamo un caffè, Francesco senza badare troppo ai convenevoli inizia a raccontarmi la sua storia e il suo problema.

Mi spiega che per circa 5 anni ha lavorato come dipendente di un autolavaggio vicino a casa sua e gli era venuta voglia di aprire un’attività tutta sua, così inizia a guardarsi intorno, e un giorno trova l’annuncio di un’attività di un autolavaggio in vendita, esattamente quello dove ci troviamo in questo momento.

Dopo aver valutato la zona e i numeri dell’attività, decide coraggiosamente che ne vale la pena e acquista l’attività.

Malgrado il cambio di gestione, nei primi mesi le cose vanno abbastanza bene, ma Francesco non è del tutto soddisfatto, conosce il potenziale del suo autolavaggio ed è consapevole che potrebbe rendere molto di più e che si trova ben lontano dai numeri realizzati dai suoi concorrenti in zona. 

Quello che ora mi sta chiedendo Francesco è di aiutarlo a creare una campagna di marketing che possa portargli più clienti e aumentare le entrate del suo autolavaggio.

Continuiamo a chiacchierare ancora per qualche mezzora e ci diamo appuntamento al giorno dopo per definire una strategia da mettere in campo.

Quando rientro in hotel mi collego via Zoom con il nostro ufficio e insieme ai miei collaboratori ragioniamo su cosa sia meglio fare per Francesco. Dopo poco, la soluzione più ovvia e scontata sembra subito chiara… Francesco non ha bisogno di una campagna marketing, almeno non subito, piuttosto ha bisogno di integrare nuovi servizi nella sua attività, servizi che i suoi concorrenti non offrono, in poche parole deve differenziarsi.

Differenziarsi dagli autolavaggi concorrenti

La mattina seguente, avendo chiaramente in mente cosa fare, torno da Francesco per esporgli la nostra idea… ma quando arrivo nell’autolavaggio trovo Francesco scuro in volto e di pessimo umore, preoccupato chiedo cosa gli sia accaduto e mi spiega che il giorno prima, dopo che ci siamo lasciati, è arrivato un cliente che gli ha richiesto un trattamento che non aveva mai fatto, la lucidatura dei fari.

Mi racconta che invece di rifiutare, accetta il lavoro pensando: “eh che ci vorrà mai, su youtube e pieno di video-tutorial… il materiale posso prenderlo in un brico center e il gioco è fatto”.

Ma a quanto pare le cose non vanno esattamente come pensa lui e dopo vari tentativi, i fari dell’auto del cliente sono peggio di prima…

…quando il cliente torna per ritirare la sua auto Francesco con la faccia in terra riconsegna l’auto e tra mille scuse è costretto a mandare il cliente da un carrozziere della zona per risolvere il problema, ovviamente a spese sue.

Mentre mi racconta l’accaduto sono sempre più convinto che quello di cui Francesco ha bisogno è formazione professionale, così dopo averlo incoraggiato, gli espongo la nostra idea sui nuovi servizi da integrare.

Inizialmente Francesco pensa che integrare nuovi servizi significa acquistare nuova attrezzatura da installare nel suo impianto, ma non è esattamente quello che abbiamo pensato noi. Per integrare nuovi servizi non deve comprare niente, l’investimento da fare è innanzitutto sulla sua persona, deve imparare nuove tecniche di lavorazione da proporre ai suoi clienti.

A quel punto a Francesco sorge una domanda “ma quali nuove tecniche potrei imparare e soprattutto come?” Non rispondo direttamente a Francesco, ma davanti a lui prendo il mio telefono e chiamo un mio conoscente: Luca Mura.

Luca Mura è il fondatore di DetailerPro, un’azienda che opera nel nostro settore e aiuta lavaggisti e detailers a crescere professionalmente attraverso la formazione professionale e lo studio di nuove tecniche di lavorazione.

Metto il viva voce al mio telefono, così che anche Francesco possa partecipare alla conversazione e brevemente descrivo a Luca Mura il motivo della mia telefonata… 

…. dopo aver ascoltato con attenzione Luca Mura suggerisce a Francesco 2 tecniche di lavoro che potrebbe integrare nel suo autolavaggio, il Trattamento fari D Pro e il Lavaggio 3pH.

Brevemente Luca Mura ci spiega che si tratta di due trattamenti molto richiesti dai clienti, entrambe le lavorazioni servono per migliorare notevolmente l’aspetto estetico delle auto e in più si tratta di servizi accessibili alla  maggior parte dei clienti.

Ora Francesco fa qualche domanda a Luca Mura, nello specifico vuole sapere quanto tempo gli occorrerebbe per imparare queste due tecniche abbastanza bene da poterle proporre nel suo autolavaggio…

…Luca Mura gli spiega che un formatore professionista potrebbe insegnare queste due lavorazioni in un paio di step, da circa 5 ore ognuno.

Durante la telefonata vedo negli occhi di Francesco una luce diversa, sembra più felice ed effettivamente lo è! Luca Mura gli ha indicato una nuova strada con nuove opportunità e lui ora non vede l’ora di iniziare questo percorso. 

Prima che me ne vada, decidiamo insieme a Francesco di rimandare la campagna marketing per la sua attività… prima si formerà professionalmente per imparare le nuove tecniche consigliate da Luca Mura, poi vedremo.

La settimana scorsa ho sentito Francesco al telefono, era euforico! Con l’aiuto di Luca Mura ha imparato le nuove tecniche di lavorazione e ha iniziato a proporre i nuovi servizi nel suo autolavaggio e i clienti iniziano a rispondere positivamente.

Sono felice e orgoglioso di Francesco e non vedo l’ora di costruire la campagna marketing per il suo autolavaggio…

…ma ci tengo soprattutto a ringraziare Luca Mura che si è dimostrato ancora una volta un  ottimo supporto, ha saputo indirizzare Francesco dal punto di vista delle scelte e gli ha insegnato tecniche di lavorazione degne dei migliori maestri.

Rispondi