ASCOLTA L’ARTICOLO

Lo scontrino elettronico non è altro che l’operazione da fare per memorizzare e trasmettere per via telematica i dati dei corrispettivi giornalieri.

Le attività che si devono adeguare sono tutte quelle che svolgono attività per la quale non è obbligatorio fare fattura. Anche minimi e forfettari sono inclusi tra i soggetti obbligati ad adeguarsi allo scontrino elettronico.

L’autolavaggio dovrà fornirsi di registratori di cassa adeguati alla memorizzazione e alla trasmissione telematica dei corrispettivi.

Si passerà dal registratore di cassa standard al registratore di cassa telematico. Questi registratori memorizzeranno i dati al dettaglio e i dati di riepilogo di tutte le operazioni svolte nell’arco della giornata per poi trasmetterli all’Agenzia delle Entrate.

Per facilitare l’adeguamento o l’acquisto dei nuovi registratori telematici verrà riconosciuto un bonus fiscale. Chi acquisterà un nuovo registratore di cassa nel 2019 e nel 2020, riceverà un credito d’imposta pari al 50% della spesa fino ad un massimo di € 250,00, chi invece adatterà quello di cui è già in possesso riceverà un contributo non superiore a € 50,00.

CARATTERISTICHE DEI REGISTRATORI TELEMATICI

Ogni registratore telematico è identificato in maniera univoca da un “numero di matricola” abbinato ad un contrassegno identificativo ai fini fiscali di ciascun modello di Registratore Telematico, composto dalle sigle RT seguite dal numero di matricola del Registratore. In assenza di alimentazione elettrica esterna, un’idonea batteria tampone garantisce il mantenimento dei dati contenuti nella memoria di lavoro.

INVOLUCRO E SIGILLO FISCALE

Il registratore è dotato di un involucro realizzato secondo configurazioni e numero di elementi stabiliti da ciascun fabbricante in base alle proprie esigenze produttive e di mercato, a condizione che ne venga garantita l’inaccessibilità. L’involucro è protetto da un “sigillo fiscale” apposto dal fabbricante del registratore. Con il sigillo fiscale il fabbricante attesta la conformità dell’esemplare di Registratore Telematico al modello approvato dall’Agenzia delle entrate.

DATI CORRISPETTIVI DISTRIBUTORI AUTOMATICI

I Registratori Telematici possono essere utilizzati anche per memorizzare elettronicamente e trasmettere i dati dei corrispettivi dei distributori automatici eventualmente presenti nell’autolavaggio. Il gestore dopo aver rilevato il dato del “venduto” dal distributore automatico, lo memorizza tramite un’apposita sezione presente nel registratore.

TIPOLOGIE PARTICOLARI DI REGISTRATORI

Le caratteristiche tecniche dei Registratori possono variare in funzione a dove vengono utilizzati, come quelli usati al di fuori di attività all’aperto, come l’autolavaggio.

MODALITA’ “DEMO”

La modalità demo (opzionale) consente ai produttori e ai tecnici/rivenditori di simulare le funzionalità tipiche del registratore, per garantire al gestore maggiore informazione circa le funzionalità dei nuovi dispositivi;

ATTIVAZIONE DEL REGISTRATORE PRESSO L’ESERCENTE

L’installazione e l’attivazione del registratore presso l’esercente viene fatta dai tecnici abilitati dall’Agenzia delle entrate, il cui elenco è pubblicato nel sito dell’Agenzia. L’esercente o chi per lui, deve accreditarsi mediante apposita procedura on line disponibile sul sito dell’Agenzia. La validità del certificato dispositivo è di 8 anni.

La fase di attivazione si conclude con la produzione di un QRCODE che viene messo a disposizione dell’esercente attraverso il sito internet dell’Agenzia delle entrate. Il QRCODE va apposto nel registratore ben visibile ai clienti.

GENERAZIONE E TRASMISSIONE DATI

Il registratore al momento della chiusura giornaliera genera un file xml, lo sigilla elettronicamente con il certificato dispositivo e lo trasmette telematicamente al sistema dell’Agenzia delle entrate.

La trasmissione dei corrispettivi avviene utilizzando un orario casuale all’interno dell’intervallo di funzionamento del dispositivo. Tutte le trasmissioni dovranno ricadere nella fascia oraria 00:00 – 22:00.

La trasmissione dei dati giornalieri avviene con una frequenza variabile con un valore massimo dell’intervallo di 5 giorni. Nel caso di interruzione dell’attività per chiusura settimanale, chiusura domenicale, ferie, chiusura per eventi eccezionali, attività stagionale o qualsiasi altra ipotesi di interruzione della trasmissione (non causata da malfunzionamenti tecnici dell’apparecchio), il registratore alla prima trasmissione utile, provvede all’elaborazione e all’invio di un unico file contenente la totalità dei dati (ad importo zero) relativi al periodo di interruzione, per i quali l’esercente non ha effettuato l’operazione di chiusura giornaliera.

ADATTAMENTO DEI REGISTRATORI DI CASSA

Tutti i modelli di Registratori di cassa possono essere resi conformi alle presenti specifiche tecniche e adattati a Registratori Telematici con le modifiche hardware e software che devono essere documentate e presentate all’Agenzia delle entrate.

PRODUTTORI DEI REGISTRATORI TELEMATICI ACCREDITATI

Scarica il PDF: Elenco dei Registratori telematici approvati divisi per Società produttrice

ATTIVITA CON PIÙ PUNTI CASSA PER SINGOLO PUNTO VENDITA

Per gli esercenti che operano con un numero non inferiore a tre punti cassa per singolo punto vendita e che rispettano determinati requisiti la memorizzazione e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri dei singoli punti cassa possono essere effettuate mediante un unico “punto di raccolta”.

GUIDE CHE POTREBBERO ESSERTI UTILI

Variazioni alle specifiche tecniche fatture e corrispettivi 30 luglio 2019

Specifiche tecniche RT – Versione 8.0 (aggiornata al 28 Giugno 2019)

Modello – Dichiarazione di aggiornamento firmware software censito_Modello – Dichiarazione di aggiornamento firmware_software per l’utilizzo del RT in stato censito come MF

Istruzioni per la compilazione dei modelli_Istruzioni per la compilazione dei modelli

Guida SW Compilazione Fattura Elettronica_guida_

Rispondi