ASCOLTA L’ARTICOLO

Se hai un autolavaggio e non sei soddisfatto della fase di risciacquo e asciugatura dell’auto, la causa forse, potrebbe essere da attribuire all’acqua che stai utilizzando;

La qualità dell’acqua utilizzata è fondamentale per ottenere i risultati desiderati. L’acqua utilizzata nel tuo autolavaggio, da dove proviene?

  • Da una rete idrica?
  • Da un pozzo?
  • Il tuo addolcitore funziona bene?

Se il tuo autolavaggio si trova in una zona vecchia della città è molto probabile che le condutture siano vecchie e costruite con materiali obsoleti, come la ghisa, materiali che nel tempo subiscono fenomeni di corrosione, sia internamente che esternamente.

I tubi obsoleti e arrugginiti possono subire la perforazione con conseguente perdita e alterazione della qualità dell’acqua trasportata, che potrà risultare molto dura o molto ferrosa, condizioni queste che non permettono una buona qualità di lavaggio.

Se l’acqua del tuo autolavaggio arriva comunque da una zona nuova con tubazioni recenti, potrebbe comunque avere alti livelli di cloro o di ammoniaca. Il cloro e l’ammoniaca vengono immessi nella rete idrica per abbattere e arrestare la carica batterica e disinfettare le tubature della città.

Se il tuo autolavaggio utilizza un sistema di osmosi inversa, è necessario rimuovere gli alti livelli di cloro, in quanto potrebbero rovinare le membrane e corrodere le tubazioni di rame.

Che dire se la tua acqua invece è addolcita ma continui a notare la presenza di macchie bianche? La causa potrebbe essere una presenza elevata di sodio.

L’acqua inoltre, è influenzata dal pH, unità di misura di acidità o alcalinità. Un’acqua troppo acida o un’acqua troppo alcalina, non vann bene per la  tipologia di attività che hai.