Che cos’è?

È la norma che tratta i pericoli, le situazioni e gli eventi pericolosi che si possono verificare all’interno di un autolavaggio.

Cosa è necessario fare?

Effettuare la valutazione dei rischi e provvedere la messa in sicurezza del proprio autolavaggio.

Chi se ne deve occupare?

Tutti i proprietari e i gestori di impianti di autolavaggio.

La norma inizia vietando la permanenza di persone a bordo della propria auto durante il funzionamento dell’autolavaggio.

La stessa prosegue con un elenco dei pericoli più significativi:

  • pericoli di natura meccanica
  • elettrica
  • termica
  • pericoli generati da rumore
  • da vibrazioni
  • provocati dall’inosservanza dei principi ergonomici
  • avviamento o aumento di velocità inatteso
  • impossibilità di arresto dell’autolavaggio
  • rottura durante il funzionamento
  • scivolamento
  • inciampo e caduta
  • visibilità insufficiente del posto di lavoro
  • pericolo di incendio
  • pericolo da catene, funi o accessori di sollevamento

Requisiti di sicurezza richiesti comuni a tutti gli autolavaggi:

  • presenza di persone a bordo del veicolo: il divieto va riportato su adeguata e ben visibile segnaletica
  • punti di scivolamento, inciampo o caduta: eventuali punti vanno protetti o segnalati
  • la pavimentazione deve avere una finitura superficiale tale da minimizzare tali rischi
  • pompe in alta pressione: la pressione massima di erogazione non deve superare i 100 bar
  • dispositivi di comando: devono essere tali da determinare in modo univoco l’inizio e la fine del ciclo di lavaggio e vanno realizzati secondo le norme. I comandi, in ogni caso, devono essere facilmente visibili
  • guasto ai circuiti di comando: i circuiti devono essere progettati secondo le norme
  • collegamento alle fonti di alimentazione di energia: devono essere presenti dispositivi di sezionamento che consentano di isolare la macchina rispetto alle fonti di energia.
  • guasto del circuito di alimentazione di energia: i circuiti devono essere tali che la macchina non deve avviarsi in modo inatteso, impedire il riavvio in caso di pericolo, non deve venir impedito l’arresto una volta impartito il comando, i dispositivi di protezione devono rimanere pienamente efficienti
  • collegamento equipotenziale delle masse metalliche: la macchina deve essere progettata e costruita in modo da evitare la formazione di cariche elettrostatiche e queste devono poter essere scaricate a suolo
  • unità centrale: deve essere installata all’interno di un vano tecnico o armadio dotato di un proprio sistema di illuminazione
  • spruzzatori: le tubazioni flessibili devono poter scorrere senza essere danneggiate, vanno comunque evitate eccessive sollecitazioni di trazione e piegamento
  • elementi mobili: gli elementi mobili della macchina devono essere tali da arrestarsi automaticamente a fine corsa e prevenire eventuali lesioni da impigliamento con le parti sporgenti dei veicoli
  • arresto d’emergenza: deve essere sempre disponibile ed operativo. Il riavvio deve poter avvenire solo ed esclusivamente su intervento dell’operatore
  • rumore: va determinato in più punti e nella posizione dell’operatore

La verifica va effettuata secondo quattro sistemi tra loro complementari.

Controllo di integrità

Verificare, tramite un esame visivo, che l’impianto di lavaggio sia completamente integro compresi tutti i componenti (ad esempio ripari, dispositivi di avvertimento visivi, marcature)

Controllo documentale

Verifica che i documenti, i disegni, gli schemi progettuali forniti siano adeguati e completi oltre che rispondenti a quanto effettivamente in operatività

Controllo funzionale

Verifica, tramite prova senza carico, che la macchina ed i relativi dispositivi di sicurezza, funzionino come previsto, e che tutti i requisiti di sicurezza siano effettivamente operativi

Misurazione/calcolo

Verifica che i parametri misurabili stabiliti siano rispettati (es. distanze di sicurezza, isolamento dei circuiti elettrici, rumore, vibrazione, pressione dei liquidi).

LEGGI ANCHE:

Requisiti di sicurezza degli autolavaggi con portale

Requisiti di sicurezza degli autolavaggi con tunnel

Requisiti di sicurezza degli autolavaggi self-service

Rispondi