ASCOLTA L’ARTICOLO

Immagina un automobilista in cerca di un autolavaggio arriva in una strada dove quello che gli si presenta è questo: un autolavaggio alla sua destra e un’altro alla sua sinistra; i due autolavaggi, hanno le stesse attrezzature, lo stesso impianto di lavaggio, gli stessi servizi e prezzi, dettagli che però l’automobilista non conosce.

In base a cosa l’automobilista sceglierà l’autolavaggio dove entrare e spendere i suoi soldi?

Facciamo finta per un’attimo che quell’automobilista sei tu e quello che i tuoi occhi vedono è questo:

  1. l’autolavaggio alla tua destra ha un’insegna vecchia, con la vernice sbiadita e sporca, a mala pena rimane attaccata al palo dov’è fissata, l’entrata dell’autolavaggio è piena di erbacce che crescono attraverso le fessure dell’asfalto, i pochi e decrepiti bidoni della spazzatura presenti straripano di immondezza e chi sa cos’altro, le vetrate del tunnel o i paraspruzzi del portale, sono un mix di calcare, grasso e fuliggine e non vedi operatori riconoscibili all’interno dell’autolavaggio
  2. l’autolavaggio alla tua sinistra invece, dal punto di vista architettonico è molto simile a quello alla tua destra, forse sono stati costruiti nello stesso periodo, solo che questo ha una bella insegna, accesa e brillante, sembra sia stata appena installata, all’entrata non vedi erbacce, ma una graziosa aiuola con delle grosse piante su entrambi i lati, i bidoni presenti sono puliti e disposti per colore, i vetri e i paraspruzzi sono puliti e brillano al sole, individui alcuni personaggi all’interno del piazzale con delle felpe rosse, sono sicuramente i membri dello staff

Allora, quale impianto hai scelto? Se non sei un masochista la risposta è ovvia e scontata.

L’attività di lavaggio si basa sul concetto di pulizia, quindi l’aspetto estetico dell’autolavaggio è fondamentale! Un cliente che arriva in un autolavaggio sporco, disordinato e mal organizzato, sarà un cliente deluso e non contento.

L’attività di autolavaggio durante il corso della settimana, è soggetta a lunghi periodi di inattività, momenti che potrebbero essere sfruttati per riordinare, pulire e riorganizzare l’impianto.

Che dire invece dei servizi igienici? Sono presenti? Sono puliti? Possono essere utilizzati da una signora che ha portato la propria auto a lavare? Non sottovalutare questo aspetto, potrebbe fare la differenza tra perdere o conquistare un cliente!

Il primo passo per avere un autolavaggio attraente è mantenerlo sempre pulito

Elimina lo sporco dalle pareti e dalle finestre, anche nel tunnel. Raccogli i rifiuti prima che riempano i bidoni. Cura le aiuole e se c’è il giardino, mantieni l’area pulita e libera dalle erbacce.

Non importa se il tuo impianto è datato o le attrezzature non sono all’ultimo grido, puoi ovviare a questo mantenendo il tuo impianto perfettamente in ordine e pulito; con un modesto investimento, puoi rinnovare l’immagine del tuo impianto sostituendo scritte, cartellonistica e grafiche con qualcosa di nuovo e più moderno, potresti riverniciare le parti in metallo che si sono arrugginite o sbiadite, potresti ripavimentare l’asfalto e chiudere buche e crepe. Forse puoi aggiungere delle piante o dei fiori, tagliare cespugli e alberi, tenere l’erba tagliata, rimuovere le piante morte o risistemare le aree dove l’erba è secca.

Cura anche l’aspetto dei tuoi dipendenti e di chiunque operi nella tua attività. Tutti devono avere una divisa uguale e riconoscibile. Una divisa ben fatta gratifica chi la indossa, rafforza l’identità aziendale e fa sentire il dipendente parte di una squadra.

Una bella divisa dà più valore al tuo autolavaggio e al tuo lavoro e i clienti avranno la sensazione di un ambiente dove c’è serietà, qualità e organizzazione. Ogni operatore deve essere presentabile, pulito e ordinato. Se i dipendenti o gli operatori sono mal vestiti, sporchi o trasandati, il cliente potrebbe non gradire e magari non tornare più nel tuo impianto.

Rispondi