Che si tratti di un lavaggio manuale o automatico, il detergente per il prelavaggio dell’auto è in assoluto il prodotto più utilizzato dai lavaggisti.

Cosa significa fare il prelavaggio?

La fase di prelavaggio, è quella in cui viene asportato lo sporco più tenace e resistente presente sulla superficie dei vetri e della carrozzeria, come smog, fango e tutta lo sporco raccolto dalle strade. Per effettuare questa fase di lavaggio vengono utilizzati appositi detergenti, composti da sostanze chimiche in grado di “ammorbidire” (per così dire) lo sporco prima di essere rimosso con il getto d’acqua della idropulitrice.

La fase di prelavaggio è molto importante e influenza positivamente o negativamente tutto il processo di lavaggio del mezzo, vediamo come e perché.

Un prelavaggio eseguito con detergenti poco alcalini e con tensioattivi di bassa qualità, farà fatica ad eliminare lo sporco, soprattutto quello costituito da particelle di smog che si legano con la carrozzeria; al termine del prelavaggio, la carrozzeria e i vetri dovrebbero risultare lisce al tatto, se questo non avviene è perché il prelavaggio non ha agito dovutamente, con conseguenze negative sulla qualità di asciugatura e quindi sui tempi di lavorazione che aumentano notevolmente per il lavaggista, il tutto si traduce in perdita di utile e guadagno.

Prelavaggi troppo aggressivi invece, rischiano di compromettere le parti cromate o in gomma dell’auto e nei casi peggiori addirittura di rovinare le carrozzerie, soprattutto nei periodi più caldi. Rovinare una carrozzeria significa perdere tempo e soprattutto denaro per ripristinare i danni, cosa ancor più grave è il rischio di perdere il cliente.

Prelavaggi troppo schiumosi fanno perdere tempo in fase di risciacquo e spesso il rischio è quello di mandare sotto le spazzole un’auto ancora carica di schiuma e tensioattivi, che andranno a compromettere il lavoro dello shampoo neutro e di riflesso daranno una cattiva qualità di asciugatura.

Diversamente un prelavaggio privo di agenti schiumogeni di qualità, non permetterà ai tensioattivi di rimanere “aggrappati” alla superficie trattata il tempo giusto che occorre per eliminare sporco e particelle di smog presenti.

Ci sono altri fattori che fanno di un detergente un buon prelavaggio:

  • l’odore
  • la fotosensibilità
  • la presenza di inibitori di corrosione
  • la capacità di esaltare la lucentezza di una carrozzeria
  • elevata biodegradabilità
  • forte potere sequestrante
  • tanica utilizzata
  • la qualità dei tappi e dei sigilli
  • la fattura delle etichette

Ma allora, quanto dovrebbe costare un buon prelavaggio?

A nostro parere, un lavaggista non dovrebbe mai acquistare un detergente, tanto più il prelavaggio, basandosi esclusivamente su valutazioni legate al prezzo, dovrebbe acquistare il meglio che il proprio fornitore o le aziende presenti in commercio possono offrirgli!

Vediamo in commercio detergenti per il prelavaggio venduti al kg a meno del prezzo di una tazzina di caffè da 70 ml o di una bottiglietta da 500 ml di acqua minerale acquistata in un bar.

Quali vantaggi pensi di ottenere se paghi un detergente chimico quanto mezzo litro d’acqua?

La qualità? Un risparmio economico? Un buon post vendita da parte del tuo fornitore? Auto lucenti? Fidati, non otterrai niente di tutto questo. Se consideri che dietro al prezzo pagato per 1 litro di detergente ci sono:

  • I costi di produzione
  • I costi di stoccaggio
  • Gli imballi e il confezionamento
  • Il trasporto e la consegna
  • Il guadagno dell’azienda produttrice
  • Il guadagno del venditore/rappresentante
  • Le tasse

Capisci da solo che un detergente per il prelavaggio non può costare a te utente finale, quanto mezzo litro di acqua, infatti quello che stai acquistando è acqua con tanta ottima soda e basta.

Un buon prelavaggio di medio/alta qualità, che semplifica e velocizza le varie fasi del lavaggio di un automezzo, a parer nostro non dovrebbe costare meno di € 2,50 – € 3,00 al kg.

Considera inoltre che l’incidenza economica che il prelavaggio ha sulla tua economia aziendale è più bassa di quanto puoi immaginare, non supera il 4%, quindi ti consigliamo di scegliere il meglio che puoi trovare in commercio.