Per molti gestori il limite più grande che non gli permette di pensare a come fare per risparmiare energia, è la paura di dover affrontare costi troppo elevati.

Sarebbe opportuno non chiamare questi costi, ma investimenti. Installare sistemi in grado di risparmiare energia è un ottimo modo per risparmiare denaro, che può essere reinvestito dal gestore dell’autolavaggio stesso.

In questo articolo tratteremo tre punti:

  1. Quali sistemi adottare per risparmiare energia elettrica
  2. Che vantaggi ottieni se il tuo autolavaggio risparmia energia elettrica
  3. Come accedere ai fondi stanziati

Prima di decidere quali cambiamenti fare, devi sapere dove e come viene utilizzata l’energia nel tuo impianto di autolavaggio

Si parte da una diagnosi energetica del tuo impianto di lavaggio. Per trovare soluzioni valide per risparmiare energia, serve una conoscenza attenta delle caratteristiche del tuo impianto e delle attrezzature presenti. Si tratta di una indagine che viene effettuata per valutare con precisione la quantità e la qualità dell’energia utilizzata per ogni attrezzatura o sistema elettrico presente nel tuo autolavaggio. Per fare una diagnosi energetica corretta e precisa occorre rivolgersi ad un tecnico affidabile e competente, in modo tale che dopo la diagnosi potrai conoscere:

  • I reali consumi del tuo autolavaggio
  • Definire quali interventi occorrono e che tipo di convenienza economica potrai avere
  • Analizzare ed ottimizzare le spese di gestione dell’autolavaggio

Quali sistemi pratici adottare per risparmiare energia elettrica

  • Usa prese multiple per disattivare più elementi con un semplice “click”. Installa sensori di presenza nelle aree comuni e in quelle che non utilizzi spesso.
  • Spolvera le lampade almeno una volta l’anno e scegli lampadine a basso consumo energetico, come CFL o LED: durano di più di quelle a incandescenza e consumano meno energia. Le lampade LED ti permettendo di risparmiare fino al 50% in bolletta. Questa soluzione può essere utilizzata per diverse zone dell’ambiente, sia all’interno che all’esterno.

Oltre al vantaggio estetico, la luce sviluppata dai Led ha anche una potenza ben 5 volte superiore a quella di una lampada tradizionale e richiede una potenza di ingresso molto bassa.

Stampanti, computer (anche i monitor), fotocopiatrici, fax: spegnili quando non in uso, durante la notte o nei giorni di chiusura. Una stampante lasciata accesa durante la notte utilizza energia sufficiente per produrre oltre 1500 copie. Imposta lo screensaver del tuo pc in modalità nero.

  • Utilizza attrezzatura dotata di tecnologia ad alta efficienza e a risparmio energetico (caldaie a basso consumo, lampadine ad alta efficienza energetica, etc.) – la classe di consumo energetico dell’UE ti aiuta a scegliere i prodotti che fanno risparmiare energia e denaro: Le etichette energetiche classificano i prodotti venduti o prodotti in base al loro consumo energetico su una scala da A a G. Si va dalla classe A (verde), la più efficiente, alla classe G (rosso), quella a maggiore consumo. Attualmente, se la maggior parte dei prodotti di un certo tipo raggiungono la classe A, è possibile suddividerla in 3 classi aggiuntive: A+, A++ e A+++.
  • Monitora il consumo di energia. Leggi i tuoi contatori e tieni traccia regolare del consumo di energia. Confronta i dati sui consumi per valutare l’efficacia dei tuoi sforzi di risparmio energetico. Per fare questo prendi in considerazione l’installazione di contatori intelligenti.
  • Impianto solare termico per produrre acqua calda a basso costo.

Questa tecnologia permette di risparmiare sui consumi utilizzando una fonte di energia pulita e rinnovabile, riducendo le emissioni di CO2 e al tempo stesso i costi in bolletta. Il vantaggio offerto dal solare termico è di poter convertire quasi completamente l’energia irradiata dal sole, offrendo così una soluzione a basso impatto ambientale ma anche dai bassi costi di installazione e manutenzione.

Che vantaggi ottieni se il tuo autolavaggio risparmia energia elettrica?

Oltre al chiaro risparmio economico, c’è un’altro vantaggio di cui forse non hai mai tenuto conto, l’autolavaggio può promuovere e pubblicizzare il fatto che utilizza energie rinnovabili e che ha a cuore le iniziative ecologiche. In questo modo attirerà più clienti, felici di sapere che anche per te e il tuo autolavaggio è importante prestare attenzione all’ambiente.

Come accedere ai fondi pubblici stanziati?

Il Fondo Nazionale per l’Efficienza Energetica – FNEE è un incentivo che sostiene la realizzazione di interventi finalizzati a garantire il raggiungimento degli obiettivi nazionali di efficienza energetica, in linea con quanto previsto dal Protocollo di Kioto.

Le risorse finanziarie stanziate per l’incentivo ammontano a circa 185 milioni di euro e sono così suddivise:

  • 30% garanzie
  • 70% finanziamenti agevolati.

Inoltre è prevista una dotazione aggiuntiva per il biennio 2019-2020 di 125 milioni di euro.

Il FNEE è una misura a sportello, pertanto le domande sono valutate in base all’ordine cronologico di arrivo e non ci sono graduatorie.

Cosa finanzia

Sono finanziabili le iniziative riguardanti:

  • la riduzione dei consumi di energia nei processi industriali
  • la realizzazione e/o l’implementazione di reti ed impianti di teleriscaldamento e teleraffreddamento
  • l’efficientamento di servizi ed infrastrutture pubbliche, inclusa la pubblica illuminazione
  • la riqualificazione energetica degli edifici.

Spese ammissibili

  • consulenze (nella misura max del 10% ) con riferimento in particolare alle spese per progettazioni ingegneristiche relative alle strutture dei fabbricati e degli impianti, direzione lavori, collaudi di legge, progettazione e implementazione di sistemi di gestione energetica, studi di fattibilità nonché la predisposizione dell’attestato di prestazione energetica degli edifici e della diagnosi energetica degli edifici pubblici
  • le apparecchiature, gli impianti nonché macchinari e attrezzature varie (inclusi i sistemi di telegestione, telecontrollo e monitoraggio per la raccolta dei dati riguardanti i risparmi conseguiti) comprensivi delle forniture di materiali e dei componenti previsti per la realizzazione dell’intervento
  • interventi sull’involucro edilizi, comprensivi di opere murarie e assimilate, ivi inclusi i costi per gli interventi di mitigazione del rischio sismico, qualora riguardanti elementi edilizi interessati dagli interventi di miglioramento energetico;
  • infrastrutture specifiche comprese le opere civili, i supporti, le linee di adduzione dell’acqua, dell’energia elettrica – comprensivo dell’allacciamento alla rete – del gas e/o del combustibile biomassa necessari per il funzionamento dell’impianto, nonché i sistemi di misura dei vari parametri di funzionamento dell’impianto.

Spese non ammissibili

  • beni acquisiti attraverso locazione finanziaria
  • macchinari, impianti e attrezzature usati
  • automezzi e attrezzature di trasporto targati
  • spese di funzionamento, notarili, relative a imposte, tasse o scorte
  • consulenza specialistica rilasciata da amministratori, soci e dipendenti del soggetto beneficiario
  • spese relative a singoli beni di importo inferiore a 500 euro, suscettibili di autonoma utilizzazione

FONTE: INVITALIA

Rispondi